.
Annunci online

 
EdIlTempoCreaEroi 
mentre il Sole brucia ancora per i cazzi suoi, la Terra grassa e ricca frutta gelosie e la Scuola insegna Poesie!!!
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Tropico
SalaDaTè
Escopocodisera
Livingroom
Micòl
Sabbath
Barney
Magister Ubik
CLAC: Rino Gaetano
V.R. Via Emilia Levante 41
La Repubblica
Radio Capital - On Air
CAU - Collettivo Autorganizzato Universitario Napoli
Coor2Pol - Coordinamento II Polclinico
  cerca


MAGISTER MEAE VITAE 


 
Ed il tempo intanto crea eroi
mentre il sole brucia ancora per i cazzi suoi
e la terra grassa e ricca frutta gelosie
e la scuola insegna poesie.
Ci si gioca il tempo dentro i bar
e si prega un Dio digerendo i guai
tutto ciò è la vita amico e tu lottando vai
messaggero dei problemi tuoi.
Con le mani sporche di allegria
i bambini giocano coi sassi della via
ed i vecchi invecchiano davanti alla tivù
con la pipa ed uno scommettiamo in più.
Ed avanti ancora tra la nebbia e la follia
ed in tasca la democrazia
e alla gente povera rimanga l'onestà
a vantaggio di chi non ce l'ha
che comunque può comprarsela.

Ma restare pure calmi lì seduti al bar
con il vostro Dio, ed i vostri "piccoli guai"
No! non è successo niente la vostra casa è là
e nessuno ve la toccherà.

[V.R.]



Il mondo ha bisogno di Medici,
non di laureati in Medicina e Chirurgia.

 



 

Musica, madre mia!
Quando mi mettesti al mondo, 
il mio primo vagito fu un LA
ti ricordi?
Un LA naturale. 
Le altre note me le hai insegnate dopo. 
E le ho imparate con fatica con rabbia; 
camminando a piccoli passi
su quel sentiero irto di difficoltà, 
quel sentiero di ebano e avario. 
Un passo bianco e un passo nero, 
uno bianco e uno nero. 
A tempo; con ritmo preciso, preciso.
E li ho incontrati tutti su quel sentiero, sai?
Pozzoli, Hanon, Clementi,
Czerny, Chopin, Bach,
Beethoven, Liszt. 
Madre mia, ti degnano appena appena di uno sguardo. 
Che severità. 
Più alla mano gli altri.
Oggi questo sentiero è splendido, luminoso.
Ci passeggio, 
ci respiro, 
ci canto, 
ci suono, 
e lo percorro su e giù con sicurezza, 
con gioia immensa. 
E non guardo più nemmeno dove metto il piede, 
tanto lo conosco.
Si, ora lo conosco, è mio! 
Ma che fatica madre mia, 
sorella mia, 
amante mia.
Tu sei la lingua più bella del mondo, 
la lingua che non si parla, 
eppure comprensibile a tutti,
proprio tutti.
E’ la lingua che parlano gli angeli in Paradiso, 
perciò ti amo.
E ti prego: 
quando sarà giunto il momento, 
di a quella signora di non cercarmi. 
L’appuntamento è lì, 
su quel sentiero bianco e nero di ebano e avorio. 
Io sarò li puntuale e sereno. 
E ritornerò nel tuo grembo così come sono venuto.
Te ne accorgerai, 
perché sentirai la mia ultima nota, 
uguale e identica alla prima che mi insegnasti, 
ti ricordi? 
Era un “LA”, un “LA” naturale!

(Renato Carosone)


 

 

Negli Angoli di casa cerchi il mondo,

Nei libri e nei poeti cerchi te.

[F.G.]


 


 

Diario | I got Rhythm | Poesia | Prosa |
 
Diario
1visite.

15 aprile 2011

Vik

L'assolo del Silenzio irrompe nella notte.
Il frastuono delle bombe
non temi.
Il fragore è ovattato,
lontano.

L'assolo del Silenzio squilla all'alba
di solitudine sola.
Un battito perso nel cuore
della lotta di un mondo
intero.

L'assolo del Silenzio lungo il giorno
è assordante.
L'attrito della lacrima sulla gota
a rammentare: è l'imperativo
restare umani.













permalink | inviato da EdIlTempoCreaEroi il 15/4/2011 alle 23:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo